Google+

giovedì 16 luglio 2015

Il calcio spiegato ai viddrani

Porcu di ccà e porcu di ddrà: ma po iessiri, cari colleghi, ca m'anna ffari siminari erba! a mmia, ca sugnu viddranu d’eredi ereditori?!
Pua picchì, dico iu? tantu la pistanu e bbasta st'infami! facissiru qualchi sautu acrobatico i signori de lu palluni piuttosto ca pistiarla, cci fussi cchiù spettacolo, cchiù divertimento.

Si a centru di lu campu siminassi qualchi pianta spinusa, piscialasini per esempio, allura sì, ca ci fussi di ridiri, allura sì, ca si vidissiru li giravolti di li iucatura ppi nun si pungiri li cchiappi, e comu currissiru!
Vicinu all’aria di rigori mmeci, cci cortivassi bruacculi ca ppi la puzza ca fanu tianu di sicuru lontano ddru curnutu di l’arbitru.
Nella zona fori campo senza ombra di ddubbiu, erba bbona ppi qualchi crapuzza e mittissi macari a zzappari tutti li duppiuna di l’autri iucatura ca stanu sempri assittati nni li panchini e mi pari a mmia ca vinu pagati ‘n vacanti chinu.
E pua cchi sacciu, davanti alli riti, a rotazioni, cci facissi siminari, sempri a li duppiuna, prima frassinu, ca produci la manna e iè bbona per far andare di corpo, speci a li iucatura stessi che devono mantenersi in forma e leggeri per correre meglio e poi qualichi pianta d’alloro ca fa passari l’acidità quannu perdono la partita.
Nelle zona delle curve ci piazzassi qualchi vacchiceddra e dall’avutru lato un piccolo allevamento di conigli e jaddrini cresciute 'n terra, così, tanto per aviri diversità di animali.
Cche sso, mi parissi 'na buona idea pirchì ci fusse più varietà di colori a guardari lu campo di calcio piuttosto che vedere sempre e solo erba, e anche l'ecunumia agricola ne trovassi jovamento e comu ultima cosa, ma non meno importante: i giocatori nun fussiru cchiù braccia livati all’agricoltura.

Lucia Immordino