Google+

giovedì 7 gennaio 2016

Cinico Natale: U curtu circuitu di Vastianu u salinaru

-      -      Cuinnuti, viniti cca, facitivi accanusciri: cchi mi tirati petri e m’ammuttati ‘na pinnina ca puazzu sciddricari. Bastardi!  Figli ri bbuttana!
Poi, Vastianu u salinaru, riprendeva - Sancunazzu callu callu, di iurnata, a la putia di Vilasi u sfunnatu!
U salinaru era il banditore del paese ma gli dicevano d’accussì propriamenti perché vendeva sale.

La puzza che proveniva da Vastianu era a mezzu tra ‘na fogna e ‘na carogna di cane morto da giorni e la gente gli stava lontano almeno due metri di canna.      
Quando finiva di abbanniari passava ‘nta putia per riscuotere e Vilasi u sfunnatu gli dava gli scarti di carcagnoli quarumi e trippa per la festa di Natali, ma non lo faceva entrare, gli allungava le cose fuori dalla putia picchì ma sennò gliela riempiva di fetu.
Vastianu aveva ‘na suaru scimunita che ci vedeva poco e che se la passavanu ccu so frati, uarbu macari iddru: tutti i bisogni si consumavano in famiglia (per non disturbare nessuno, vah!).
Ogni tanto, attipo per le feste comandate, qualcuno del vicinato gli andava a fare un po’ di pulizia a casa, ma poi se ne pentiva perché la puzza di marciume non se la toglieva di dosso per settimane intere.
Questo Natale fu l’ultimo di Vastianu, che si cunsumò a merito della generosità del figlio della vicina che gli volle regalare i lampadini dell’albero: vecchie di qualche anno e che si addrumavano una sì e una no, e addirittura avivanu qualche filo scoperto.
Era contento u salinaru ca c’aviva l’arbulu ccu li lampadini! Macari la suaru di Vastianu  iera cuntenta ca vidiva addrumarisi l’arbulu ora sì ora no.
-    Filomè, stati attenti ca li lampadini su vecchi e putiti fari corto circuito, nun ci fari avvicinari a Vastianu né all’autru to frati ca sennò si fulminanu.
A Filomena sembrò che le pigliò ‘na botta: taliò u vicinu di casa e c’arrispunnì – Vabbeni, stai tranquillo e grazie.
La notte di Natale, dopo che Filomena soddisfece le esigenze carnali dei due fratelli, mise a tavola quanto portato da Vastianu dalla macelleria di Vilasi u sfunnatu e accese l’albero di Natale.
Dopo la mangiata, i due orbi, sazi e soddisfatti, si sedettero sulle fitusissime poltrone ai lati dell’albero come predisposto da Filomena.
Quella notte di Natale ci fu un corto circuito che s’astutarono tutte le luci del paese.
No per dire, ma di lu curtu circuitu di Vastianu u salinaru su ricordanu ancora tutti nonostante hanu passatu quarant’anni!
 
Lucia Immordino