Google+

mercoledì 10 febbraio 2016

San Valentino secondo WhatsApp




Una spunta grigia inviato, due consegnato. Due spunte blu. Letto.

Ora lui sa che io so che mi ha invitata.

Entro e faccio la forte - lo ignoro -, della serie in amore vince chi fugge su WhatsApp...no no. Non entro on line, prendo tempo. Decido cosa scrivere come risposta. Gratis e veloce. Altro che gettone telefonico! Magari gli mando una faccina che gli strizza l'occhio, no chissà che capisce, meglio che mando una emoticon che sorride oppure la foto con un gattino con scritto buongiorno. Aspetto. Porto il cellulare con me ovunque, pure in bagno ma non entro. Così non posso controllare se nel frattempo l'altro, quello per cui sto lì in attesa e che mi piace davvero - si collega. Ora che faccio, sto bloccata?  Se non esco fuori e non rispondo a quello che mi ha invitata, lui invita l'altra che gli risponde prima di me, e se quello che mi piace non mi scrive per invitarmi io ci resto fregata. Non voglio stare a casa per San Valentino. Non potrò usare WhatsApp che se mi vedono collegata, tutti pensano che sono una sfigata "senza un cazzo da fare", che nessuno ha invitato. Magari mi blocco e mi sblocco domani 15 febbraio. No, non resisto, scrivo adesso, gli busso. Entro. Spio. Lui, l'altro non si collega da tre minuti e sette secondi, che gli è successo? c'è qualcosa che non va...

Me lo sento.


Nina Tarantino