Google+

lunedì 14 marzo 2016

Un sorriso alla volta

Sulla parete un orologio segna il tempo. Le lancette girano. La casa è accogliente e si apre in un grande salone. Stanze piene di letti e una cucina con due tavoli. Sul più piccolo tante scatole piene di pillole. Per ogni dolore.
Almeno una decina di signore che aspettano. Quando entro i loro occhi si muovono intorno e su di me. Rubo la loro attenzione. Anche Maria mi fissa sempre quando la saluto. Cento anni a maggio, vede solo la mia sagoma. 
Vuoi mangiare? E mi offre la sua cena. Mi prende la mano. La stringo. Trema. Sorrido. 
In questo posto ci vado spesso, la chiamano Casa famiglia per anziani. E in questo nome ci stanno due bugie. 
Ci sta anche Giovanna, a causa di una forte depressione, ha cinquantaquattro anni. La sua pelle ruvida. I figli lavorano fuori e dicono che non possono portarla con loro. Io parlo parlo, racconto a modo mio, afferro un loro sorriso. Una stretta di mano. Non mi nego. Vorrei strappare loro la malinconia. Vederle ridere è una vittoria. 
Anche la signora Rosa sta li, ha novanta anni e ragiona perfettamente. La sua famiglia, i nipoti non sanno dove metterla. Una volta ogni quindici giorni, ogni due domeniche la portano a fare una passeggiata, così per poterle ricordare che ci sono e saranno suoi eredi. A Rosa le si velano gli occhi e le porgo un fazzolettino. Nessuna lacrima riga il suo viso. Si soffia il naso in modo garbato e mi dice - se mi gira lascio tutto ai preti del mio paese! Lo faccio! 
Interrompo e la sorprendo con un complimento sulla sua gonna. Lei schiaccia l'occhio e mi dice Nina alla nostra età è consigliabile portarle sotto il ginocchio! Sorrido. 
Poi Rosa cerca il telecomando e gira canale.

Nina Tarantino