Google+

lunedì 27 febbraio 2017

Il mondo oltre la porta



Apro gli occhi, sono coricato in un lettino che non è il mio, in una stanza che non conosco. Aspetto. Non c'è niente, nessuno.

Mi alzo, mi avvicino alla porta, ma non riesco ad uscire, non posso; è come se mi affacciassi dal finestrino di un treno, vedo scorrere la vita, come se fosse un mondo parallelo, ma è una vita che non è la mia, che non mi appartiene. Torno a letto, aspetto. E' passato qualche giorno e sono sempre lì, in quella stanza non mia. Con timore ho provato ancora a varcare la soglia di quella porta, ma ogni volta ho tanta paura, allora resto lì a guardare attratto da quei luoghi; ho voglia di uscire, andare oltre: altri uomini, altre donne, altre vite, poi vince la paura e decido di restare nel mio letto, ad aspettare il lento scorrere del tempo: tic tac, tic tac. La mia stanza non è vuota, ha una sua vita, è come un palcoscenico in cui si succedono tanti personaggi: una donna molto piccola, vestita di verde, con uno straccio in mano si muove in continuazione e pulisce tutto ciò che incontra, ti passa davanti uno, due, dieci volte e non si ferma mai. Un uomo tutto vestito di bianco con una grossa siringa in mano mi guarda e sorride, i suoi occhi sembrano dire, no, non aver paura, non ti farò del male. Un altro uomo, è tondo tondo come una palla e non cammina, rotola per la stanza, e quando ti passa davanti ti fa un sorriso educatamente ti chiede permesso e continua a rotolare per tutta la stanza. Di fronte a me un vecchietto nudo piange, grida e si dispera, chiede aiuto, non ne trova, vorrei essere io ad aiutarlo, ma mi manca la forza e continuo a rimanere nel mio letto, resto lì, impotente ad osservarlo, improvvisamente appare un uomo vestito di blu, coperto da un camice bianco, indossa guanti di gomma, ha una parola buona per tutti, cerca di consolare chi ha bisogno, ma dopo qualche minuto scompare da quella porta. Forse sono andato a finire, non so come, in una stanza dell'Alice nel paese delle meraviglie dove tutti vivono fuori dalle regole e ognuno fa quello che vuole, salvo poi soccombere ai voleri della regina cattiva. Il mio lettino è tutto bianco, con coperte e lenzuola bianche, anch'io sono vestito di bianco, con un pigiama bianco, il materasso sembra fatto di nuvole, e ci galleggio sopra; mi dico che è tutto un sogno ma non riesco a svegliarmi, voglio uscire da quella porta, mi avvicino, non è più il finestrino di un treno, è diventato l'oblò di un aeroplano, siamo ad alta quota, voliamo sopra le nuvole, sembrano una distesa infinita di panna montata, il sole all'orizzonte è molto basso, sembra quasi poggiare sulle nuvole, non comprendo se stia salendo o scendendo: E' l'alba o il tramonto? Voglio varcare la soglia di quella porta, qualcosa mi dice che non cadrò giù, alla fine guardo il mio lettino, se mi distendo e riesco ad addormentarmi forse riesco ad uscire da questa stanza. Apro gli occhi, mi sento leggero, molto leggero, tutto è silenzio, mi avvicino a quella porta, tutto è cambiato; c'è un giardino, scorgo un aquilone volare, ha una coda lunga lunga, lo osservo meglio, alla coda vi è legato un sedile da altalena, è pieno di fiori. Ora mi sta passando davanti, trovo il coraggio, salto sul sedile e volo via!


Roberto Ardizzone