Google+

venerdì 21 luglio 2017

Pucci e succi

(work in progress)


N’assaittaru.
Ni stanno infrariciennu i carni.
‘Un aviemu paci.
N’assaittaru i pucci.
Ca nuatri pinsavamu ca i succi si stanno nni so tani.
Iddi nni so tani.
E nuatri nte nostri casi.
Nuddu c’avia pinsatu ca i succi hanno i pucci.
E i pucci s’infilano puru ca i puorti ri casi sunnu chiusi.
Nni sintievamu tranquilli.
Pucci, succi e cristiani.
E nni vinni a tutti a rugna.
Rugna ca ammazza i cristiani.
I pucci ca si infilaru ri nuotti e nuotti.
Ri sutta a puorta.
Si  infilaru nte casi.
Puru ca i succi per non taliarli nni chiuievamu l’uocchi.
E uora semu infestati.

I succi ammiscano malatii, n’infittaru a tutti.


Giorgio D'Amato

martedì 4 luglio 2017

Operetta buffa in pochi atti: La fonte


Oh che pelle secca! Mi secca tutto ormai! Svegliarmi la mattina mi secca, fare la penichella mi secca, andare a dormire mi secca,
E' finita così: mi sono seccata.
Prima no, gorgogliavo con costanza. Un rumore identico, uguale, nutrivo le vasche di acque placide, mi ci specchiavo. Venivano tutti a specchiarsi: gli animali assetati, i bambini con le barchette di carta, nutrivo schiere di girini e rane. Insetti e licheni. Intorno si alternavano capelvenere e felci, i fondi si popolavano di pesci rossi e grassi. E intorno gli alberi. Che dico? Giardini.

martedì 27 giugno 2017