Google+

giovedì 28 giugno 2018

Pasta Palina


Curò, nella piazza di San Francesco di Paolo già ci sono cento cristiani seduti.. che ci possiamo preparare? Chisti hanno un pitittu che ci fa acitu!
Cosa ci posso cucinari… carne ni avemu?
No, un ci nn’è.
Pisci ni avemu?
No, un ci nn’è.
E allura?
Aspe’, c’è una lanna arrancitusa di sardi salati.
Ma buone sono?
Fetono poco e le mosche non scappanu.
Allora buone sono.
E come le possiamo fare?
Ci ‘ngranciamu una cipudda che il feto così stona e poi ci aggiungo chiodi di garofani e cannella, n’anticchia di sassa di pomodoro e la conza è bell’e pronta. Atturro un bello poco di mollica e accussi si inchinu i panzi. Solo così possiamo accontentare questi cento allafannati.
Mizzicata, ci piaciu!
Curò, mentre li vedevo mangiare come li porci, mi scantava che si potevano sentiri male, che potevano diventare pallidi attipo che ci acchianava un colpo di acetone, e invece restarono tutti vivi. Buona ci finiu.
Talè, questa pasta chiamala palina, accussì la prossima volta ci pare ancora più bella.

Marilena Renda, Carlo Caldovino, Francesca Fontana, Nicolò Giacalone, Salvatore Panasci
(Istituto Alberghiero Pietro Piazza - Palermo)

martedì 29 maggio 2018

LA SOAP – OPERA di MIMMA SPARACELLO per gli amici “Brook”


,

“Sono Max Favara e vi parlo da Radio Zoccu & Ghiè, oggi ci mettiamo in collegamento con una vera esperta in soap opere, sceneggiati e reality show, la signora Mimma Sparacello per gli amici “Brook”. Buongiorno signora Sparacello ci sente?”                                                                                               
 “Come?”                              
 “Ho detto se ci sente”
“Ringraziannu  u Signori ancora sì!”
“Sa chi sono io?”
“No”
“Come no? Sono Max Favara di Radio Zoccu & Ghiè!”
“Ah sì…u signor Macchisi! Chiddu ca cunta fissarie n’ta radio!”
 “Molto spiritosa…., guardi che siamo in diretta, ci saprebbe dire che cosa è la Soap Opera?”
“N’ca picciò? Chi ma talìo a fari a televisione ra matina a sira?”
“Signora Sparacello… se può… cerchi di parlare in italiano”.
“Iu parru comu sacciu parrari”
“Eh …va bene! Vuole spiegare ai nostri radioascoltatori che cosa è la Soap Opera?”
“E’ un programma ca spirimintaru n’ta America”
“E come è fatto?”
“E’ fatto di ru parti, prima c’è a parti ru sapuni”
“Cioè  vuole dire… Soap?”
“Sì precisamente….”
“E in che consiste questa prima parte?”
“Come?”
“Che fanno nella Soap?”
“Avi a sapiri ca sti attori americani sunnu n’anticchia n’grasciati e prima ri  falli recitari l’hannu a lavari buoni buoni”
“Ma è sicura di quello che dice?”
“N’ca picciò? Certu ca u sacciu, haiu un cucinu ca ci travagghia n’ta sti film americani”
“E lava anche lui gli attori?”
“No, iddu vinni a sasizza n’facci agli Stu…Stu…comu si rici?”
“Agli Studios?”
“Sì, sì e chiddi ca travagghiano da rintra mentri si manciano a sasizza ci cuntano tutti sti cosi a me cucinu”
 “E che gli dicono di preciso?”
“Ah….ca sti attori sunnu veru n’grasciati e pi lavalli uno a uno ci vuoli nu chilu e menzu ri sapuni…pi un parrari di tutta l’acqua ca si perdi pi sciacqualli! Ci arrivanu certe bollette al regista ca un ci sunnu picciuli c’abbastanu! Mi dissi puri me cucinu ca c’è un attore ca ripeti a stessa frasi chiù ri na para ri misi picchì mancu finiscinu di lavallu ca si metti a feteri arrieri”
“Signora Sparacello mi pare che lei stia raccontando un poco di balle”
“Talè Machissi…attentu a comu parri ca ti chiuiu u telefono nta’facci!”
“Signora… stavo scherzando…non si ritiri, ci deve ancora dire in che cosa consiste la seconda parte cioè l’Opera”
“L’Opera…e chi t’è diri fighiu miu, a stessa parola u fa capiri”
“Signora cerchi di essere più chiara”
“Signor Machissi..dopo tutti sti lavati sti puvureddi ri l’atturi sunnu n’anticchia nirvusi ca n’ta u mumento ri recitari si mettono a ghittari vuci, a darisi lignati, a spararisi rincoddu, cu si pigghia a mugghieri ri  n’avutru, cu si metti cu u cugnato o ca a cugnata e chi si metti puru cu u suoggiru…o ca nuora, e poi tutti fannu figghi cu tutti, nu’ bordello, scusassi a parola, ca un si po’ diri, e picciò comu l’avianu a chiamari sta secunna parti? Opera.”
“Ah…signora Sparacello lei è stata davvero di grande aiuto e penso che tutti gli ascoltatori di Radio Zocchu e Ghiè ora hanno finalmente chiaro il significato di Soap Opera”.
“Grazie …figghiu miu …iu sti cosi i sacciu giusti, ora però vi salutu a tutti picchì stancavu e haiu a ghiri puru a pisciari”.

Laura Mancuso

venerdì 25 maggio 2018

TISTAMENTO OLOCRAFICO della signora Rosa Uccello




Io suttascritta Uccello Rosa, nascivi a Partinico (a data nun ci a mettu ca u Nutaru ca leggi u tistamento pò pinsari ca  quannu scrissi stì cosi macari era vecchia e nun ci stava ca testa).
Chiddu ca vogghiu diri è ca tutti hannu sempri vuluto a roba mia ma iu si prima nun moru cu cabbasiso ca ci lassu na’ spingula a nuddu!
A me maritu Asparino si quannu liggiti sta littra è ancora aggritta ci lassu lo sofrutto ri tutta a roba mia ma cu l’oblico di vinirimi a mettere i ciuri ‘ncapo u tabuto picchì mancu quannu ni ficimu ziti ri dintra mi purtò mai na’ pampina, macari di basilico ca ci facia a sarsa.
A me figghia Rosetta ci lassu a casa di Via Pisello, sarà ca sta carennu ‘terra, ma so maritu fa u muraturi e a pò puru aggiustari.
A mè figghiu Sarvatore, detto Turiddu, ci lassu u pezzu di terra in Contrada Pirtusu a partiri da u   stratuni finu o primo peri r’alivu. U sacciu ca stu terrenu è picca ma chistu c’è e chistu ci lassu.
All’avutru mè figghiu Sarvatore, detto Sarvuccio, ci lassu n’avutru pezzu di terra in Contrada Pirtusu a partiri da u terzu peri r’alivu fino o muru c’aggrizzò me maritu Asparino cu so’ cucino Micheli.  U sacciu ca st’avutru terrenu è picca ma chistu c’è e chistu ci lassu.
A casa di Via Cascavaddo unni stamu io e me maritu Asparino c’a lassu a tutti trì i me figghi Rosetta, Sarvatore detto Turiddu e Sarvatore detto Sarvuccio, cu l’oblico ri nun ghittari fuora ri rintra so patri Gasparino, ca ci lassai lo sofrutto e aspittare pi fallu nesciri di rintra sulu quannu  avi i peri ravanzi.  
Si muru vestuta ri rintra, prima c’attisu m’aviti a metteri a vesti ca mi cusivi  pu u matrimonio ri me figghia Rosetta, si chista vesta nun mi trase chiù lassatimi vestuta ri rintra ma vogghiu misu n’capo u cappotto nivuro buonu ca mi cusivi pi i nozzi r’argentu, ca un savi a ddire ca niscivi ri rintra  cu i peri ravanzi e malacommunita ‘nte robbe.
Si quannu muoru me maritu Aasparino è ancora aggritta ci raccummannu a i me’ figghi ri fallu manciari e biviri  na’ vuota o iuornu. Tantu mancia e bive picca. 
V’abbrazzu e vi benedicu a tutti seppuru tutti a turnu fustivu fitienti e curnuti assai cu mmia.
U postu r’unni scrissi e u iuornu ri quannu scrissi sunnu cabbasisi  miei)
Scrissi e basta.
                                                                         Uccello Rosa 

Laura Mancuso

martedì 24 aprile 2018

Parto per Londra!


Io mi sbatteva mura mura, a mio marito gli feci diventare le carni nivure per come gliele stringevo, e con le voci che avevo buttato si ci rumpieru i brindoli del lampadario di Murano alla signora che abitava di fronte al policrinico.