Google+

martedì 7 marzo 2017

Il Gattopardo raccontato dalle cameriere: LA CENSURATA

Ma che ne sanno loro? Le cameriere del Gattopardo, le avete sentite? Si fermano alle apparenze - a quello che il Principe e la Principessa gli vogliono fare credere - non hanno scavato, non hanno spiato dai buchi delle serrature, non hanno rovistato davvero nella spazzatura! Se lo avessero fatto avrebbero capito come stanno le cose. A casa Salina sono un branco di pervertiti - altro che rosario tutti i giorni e santanotte tutte le sere. Altro che Gesùmaria.
Ma io non ci sto, perchè vi hanno riempito la testa di minchionate col botto, altroché.
Io ho guardato, ho visto, e ora ve lo conto io, il conto vero, alla tirata delle somme.
Quella gatta morta di Concetta un poco sospirava e un poco sbuffava, e tutti pensavano che non voleva che Tancredi si pigliasse Angelica perchè era innamorata di lui. Che minchiata. Concetta la lappana era innamorata di Angelica. E la piccola Sedara, assatanata che Tancredi non la voleva soddisfare prima delle nozze, si mantenne vergine sotto le dita di Concetta, e la lingua, che non ci fu bisogno di fare sangue, per farla godere. E la principessa disse che fu, al grido di Angelica, e ci dissero che giocavano a nascondino. Seh! 
Don Fabrizio e Padre Pirrone, nella vita vera erano amanti, che si facevano il bagno nella stessa vasca - ma non prima lui e poi l’altro, proprio insieme. Il pretaccio ci lavava la schiena al principe e sospirava. E i piedi, gli lavava, e poi le cosce. E il blasone quella volta gli esplose in faccia - che ci rimase pure male e la sera, al rosario, ancora aveva i capelli bianchi, questo schifoso, e si asciugava con la tovaglietta della comunione.
E vogliamo parlare del Conte Cavriaghi? Bello fu, che lo portò Tancredi e ci fece omaggiare un libro di poesie del Boiardo alla cuginetta, e pensava di sistemare le cose, ma quello faceva il cascamorto con Concetta per copertura: la notte scendeva e se andava nella tana del principino Francesco Paolo e facevano giorno a su e giù, te lo metto io e me lo metti tu - ma sempre vestiti e con le carte sul tavolo, che se qualcuno li trovava ci dicevano che facevano una partitina. Seh! 
Ciccio Tumeo, per il si e il no - altro che repubblica e monarchia - se lo curava assai a Bendicò , che quello era troppu liccu e se lo faceva fimmina mentre si mangiava le minne di vergine della festa, che manco se ne accorgeva, ‘stu babbo di cane. Ma un giorno ci ringhiò e ci dette una taliata accusì laria, ‘u bestia, che Ciccio ancora correva e fu così che trovò il soldato squartato nel giardino, mentre si chiudeva la patta dei pantaloni. 
Alla signorina francisa, l’istitutrice dei ragazzi, mademosella Dombreuil, ci piacevano assai le banane - frutta esotica, gusti di Parigi. Ma quando mai, quella un poco se le mangiava, sì, che poi le bucce le doveva fare trovare, ma due al giorno se le teneva : una davanti e una dietro nella cameretta, allo specchio si dimenava da sola e sul pavimento bocconi e sulla sedia e poi nel letto. Insomma era tutta un’autodafè - che ce l’ho sentito dire a Donna Stellina e mi pare che questo significa. Insomma, avete capito. 
E Sedara, il sindaco - sì, proprio lui - a sua moglie la teneva schiava del sesso, a tutte le ore, soprattutto del giorno : che la frustava e lei gridava, e ci metteva i ferri e lei gridava, e le tirava i capezzoli con le pinze e lei gridava. Accussì tutti la sentivano gridare tutt’u jornu e ci pareva che era di cattivo carattere, poverina, e mai a nessuno ci venne di salvarla perchè lui non la faceva vedere e credevano che era selvaggia, la mischina. Seh! 
Alla fine il principe morì a Napoli, di infarto. Seh! Quello sporcaccione morì di AIDS, e per questo lo avevano portato a Napoli, che nessuno lo doveva vedere, che ancora cercava a quel demonio di Padre Pirrone. Ci chiamarono un’altro prete, quello non se lo filò - che uno masculu ne avevano trovato, caso strano - e il principe morì con questo desiderio, guardando il mare - e che gli restava da fare.
Tutto cambia per restare tutto uguale. Sporcaccioni !
Nel suo studio trovarono un manoscritto. C’era descritto per filo e per segno tutto quello che il principe aveva scoperto col suo cannocchiale puntato - non alle stelle, però, ma dentro le cammare della sua casa. 
So che lo hanno nascosto perchè nessuno sapesse, ma ho sentito dire che è stato ritrovato, nientemeno che in America. Pare che sia diventato un best seller.
Monica Sapio

14 commenti:

  1. Ahahahahahah fantastico! Oggi facciamo salire l'odiens a tutti! E la curva del blog ahahahahahah Brava Monica, basta con le censure e diciamo come stanno le cose! Seh seh seh.
    Ahahahahahah
    p.s. il cane lamenta dimenticanza e le reliquie ringraziano ( a Donnafigata )
    Nina

    RispondiElimina
  2. Mai avrei potuto dimenticare delle prodezze di Bendicò, cane babbo ma non troppo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scappò, causa trauma canino ma l'ho ritrovato con piacere

      Elimina
  3. Risposte
    1. Vabbè ditelo che state pensando che aveva ragione l'avv.to Amato e i suoi seguaci che pregavano x me

      Elimina
    2. Ma cché, ti spiego, mi sono fermata alla parola comunione, tirando indietro le spalle. Dopo più di un'ora mi sono detta vediamo come finisce, Monica è Monica (nel senso che so come scrivi) e alla fine infatti ho trovato la "salvezza" del pezzo. Il riferimento che fai al best seller americano è la spiegazione, in pratica lo accomuni a quella letteratura e tutto cambia.

      Elimina
  4. Risposte
    1. No, non è gay ...direi che è la summa delle mille e una notte e del gattopardo...ahahahah

      Elimina
  5. Intrecci inaspettati si nascondevano tra le righe, cosedapazzi. (i 120 emoticon di Donnafugata)

    RispondiElimina
  6. Letteratura americana, con personaggi siciliani, dite che si tratta di questo?
    Picciò,ma siti vuastasi fuotti!

    RispondiElimina
  7. Ahahahah ...
    Io di padre Pirrone e il principe l'ho sempre sospettato ...
    Ahahahah ...

    RispondiElimina